Sfoglia la rivista online
TwitterRssFacebook
Menu

Pubblicato il 3 Mar 2017 in Buongiorno Africa, NEWS

Nella baraccopoli sotto casa…

Nella baraccopoli sotto casa…

Due migranti del Mali sono morti in un incendio in una baraccopoli alle porte della città di Foggia. Baraccopoli nella quale vivevano tra i trecento e i cinquecento migranti, quasi tutti africani. Impossibile oviamente fare censimenti precisi perchè in una baraccopoli come quella il turn-over è altissimo e molti, senza documenti, preferivano essere invisibili. Con buone ragioni visti gli ultimi sviluppi in materia di immigrazione.

Gli abitanti di quella che veniva definito il “Gran Ghetto” lavoravano in gran parte nei campi di frutta e verdura dei dintorni, probabilmente per salari infimi come ci insegnano le cronache di questi anni. A tutti conviene il silenzio: ai migranti soprattutto che probabilmente sono clandestini e dunque “deboli”, in condizione di non denunciare. E ovviamente conviene anche a chi li fa lavorare.

Il “Gran Ghetto” ufficilamente esiste dal 2012, ma gli abitanti della zona sanno che c’è da molti più anni. E sanno anche che, nonostante lo smentellamento forzato, gli incendi, la resistenza e i morti si riformerà da qualche altra parte, sempre nella zona. Perchè i prodotti dell’agricoltura crescono e hanno bisogno di chi li raccolga, perchè quesi prodotti sono una parte dell’economia locale, perchè il vantaggio di lavoratori “deboli” è qualcosa alla quale si fa fatica a rinunciare.

Insomma, è la nostra società a produrre baraccopoli come il “Gran Ghetto”, è la nostra mancanza colpevole di una politica di accoglienza seria che disinneschi tutti gli interessi che stanno alla base della nascita di questi agglomerati.

Baraccopoli. Ecco non si pensi che le baraccopoli esistono solo in Africa. Sono qui, ci circondano. Assediano una popolazione schizofrenica che a volte le vorrebbe vedere sparire (quando sono vicini alla nostra vista e alle nostre proprietà), e a volte le desidera come un serbatoio utile di manodopera a basso costo.

(Raffaele Masto – Buongiorno Africa)

Nella baraccopoli sotto casa...