Sfoglia la rivista online
TwitterRssFacebook
Menu

“Lapidate Safiya” di Raffaele Masto

 Una storia vera dalle terre di Boko Haram

 

Cover Lapidate Safiya

Clicca per ingrandire

Sposa bambina a 12 anni, madre di sette figli. Condannata alla lapidazione dalla legge islamica per aver avuto un figlio fuori dal matrimonio. Salvata a un passo dalla morte grazie alla mobilitazione della società civile internazionale.

La storia vera di una donna nigeriana che torna prepotentemente d’attualità con il terrore di Boko Haram. Un libro che lascia senza fiato.

RICHIEDI LA TUA COPIA

 


DALL’INTRODUZIONE

La storia che state per leggere è una storia vera e proviene dai territori nei quali oggi Boko Haram, con le sue azioni, sparge il terrore. È la storia di una donna, Safiya Hussaini, che nei primi anni Duemila fu condannata alla lapidazione per adulterio. Una condanna che era la normale conseguenza dell’applicazione rigida della legge coranica che, negli Stati del Nord della Nigeria, era stata adottata per la prima volta pochi mesi prima, sebbene la popolazione di queste regioni sia storicamente islamica.

Oggi, negli Stati del nord della Nigeria, da Sokoto al Borno passando per Kaduna e Kano, c’è ancora la legge coranica e, come allora, viene applicata in modo rigido. La storia raccontata in questo libro si svolge in un contesto – religioso, sociale, politico – che è l’humus nel quale è nato Boko Haram. Comprendere le contraddizioni e i contrasti di quella regione significa avere gli elementi per comprendere un gruppo surreale e sanguinario come Boko Haram.

In sostanza, sebbene la storia raccontata in questo libro abbia ormai più di dieci anni, è ancora di grande attualità. Il contesto è lo stesso, i contrasti e gli interessi, anche. E soprattutto si fonda su una contrapposizione tra il Nord e il Sud della Nigeria che è ancora oggi l’elemento principale della politica interna di questo Paese. Un Nord musulmano e un Sud cristiano che si dividono anche sul piano giuridico: da una parte un sistema di leggi che discendono dai dettami della religione e dall’altra un sistema laico, il tutto in uno Stato federale che solo sulla carta è unitario.

Safiya era il pretesto per uno scontro tra élite politiche, economiche e militari che si contendevano (e si contendono ancora) la gestione di un Paese ricchissimo e potente dal punto di vista regionale e continentale. Attraverso la sua storia si capisce come la religione sia spesso un pretesto per regolare conti, per giocarsi potere e influenza. Safiya, ignara donna di un villaggio di poco più di trecento abitanti, era usata dalla macchina tritatutto della politica come oggi quella stessa macchina usa Boko Haram e il suo sanguinario leader Abubakar Shekau.

SFOGLIA IL PROLOGO DEL LIBRO

Raffaele Masto, Lapidate Safiya. Una storia vera dalle terre di Boko Haram
brossura fresata, formato cm 21×15, pp. 120, febbraio 2015
titolo originale: Io Safiya, Sperling & Kupfer Editori

____________________________

In omaggio con una donazione di almeno 10,00 euro (spese di spedizione incluse) a favore dell’attività missionaria dei Padri Bianchi da versare a Amici dei Padri Bianchi – Onlus (fiscalmente detraibile – Cod. Fiscale: 93036300163).

MODALITA’ DI PAGAMENTO

Pagamento online (tramite Paypal o Carte di credito)




Pagamento tramite Conto Corrente Postale
Amici dei Padri Bianchi – Onlus- Viale Merisio, 17 C.P. 61
24047 Treviglio (BG)
CCP 9754036
IBAN: IT 32 E 076 0111 1000 0000 9754 036

Pagamento tramite Bonifico Bancario
Amici dei Padri Bianchi – Onlus – Viale Merisio, 17 C.P. 61
BCC di Treviglio e Gera d’Adda
IBAN:  IT 73 H088 9953 6420 0000 0172 789
SWIFT/BIC: ICRAITRRTR0 (zero finale)

Info
info@africarivista.it – tel. 0363.44726 – cell. 334.2440655

____________________________

Raffaele Masto
È giornalista di Radio Popolare, collaboratore della rivista Africa, autore di vari libri: L’Africa del tesoro; Io, Safiya; In Africa. Ritratto inedito di un continente senza pace; Buongiorno Africa. Nel 2013 ha pubblicato per la rivista Africa il volume Diario Africano. Taccuino di un reporter. Cura un blog di analisi e riflessioni quotidiane sull’Africa: www.buongiornoafrica.it

Safiya Hussaini
Safiya Hussaini Tungar Tudu è una donna che oggi ha più di quaranta anni. Divenne conosciuta in tutto il mondo nei primi anni Duemila quando la Corte Islamica di Sokoto, Stato nord-occidentale della Nigeria, la condannò alla lapidazione con l’accusa di adulterio. In realtà la sua colpa era solo quella di avere avuto una figlia senza avere più un marito. Il suo caso fece nascere una mobilitazione internazionale che riuscì a strapparla in extremis alla più crudele delle condanne a morte.