Sfoglia la rivista online
TwitterRssFacebook
Menu

Pubblicato il 16 Feb 2017 in In evidenza

Africa: le Seychelles hanno i passaporti più «forti», la Somalia i più «deboli»

Africa: le Seychelles hanno i passaporti più «forti», la Somalia i più «deboli»

Quello della Somalia è il meno considerato. Quello delle Seychelles è ambitissimo. L’Arton Capital’s Passport Index è molto di più di una classifica della «forza» dei singoli passaporti. È una sorta di mappa geopolitica che descrive in sintesi la condizione politica ed economica di ogni singolo Paese africano.

passaporto somalo

Passaporto somalo

E allora partiamo proprio dal basso. Quello somalo è uno dei tre passaporti che al mondo non garantiscono la possibilità di accedere liberamente ad altri Paesi. È come se le altre nazioni del mondo non si fidassero della Somalia. E, in effetti, il Paese del Corno d’Africa, sconvolto da una guerra che ormai dura da 26 anni, con un Governo debolissimo e la incombente minaccia jihadista non offre alcuna garanzia. Con il passaporto somalo non solo è sempre necessario avere il visto, ma anche ottenere il visto è difficile. Solo una trentina di nazioni concedono visa senza grandi difficoltà a un cittadino somalo. Anche la Libia, altro Paese sconvolto dalla guerra e travolto da una forte instabilità politica, è precipitato in fondo alla classifica. Solo tre Paesi, Giordania, Turchia e Tunisia, ammettono libici senza visto. E solo 37 Paesi concedono facilmente visti ai libici. Nelle stessa situazione si trovano anche Eritrea e Guinea equatoriale, governati dalle feroci dittature di Isayas Afeworki e Teodoro Obiang Nguema.

Passaporto delle Seychelles

Passaporto delle Seychelles

Sono sorprendenti invece le basse posizioni di Paesi stabili sia sotto il profilo economico sia politico, come l’Angola, il Camerun, e la Nigeria. Quest’ultima, colosso petrolifero, nazione più popolosa dell’Africa offre ai suoi cittadini un passaporto che dà libero accesso solo a 18 nazioni.

In testa alla classifica ci sono invece le isole Seychelles, con un documento che permette libero accesso a 126 nazioni, le isole Mauritius (118), Sudafrica (90) e Botswana (69). Si tratta di nazioni stabili, con un sistemi politici democratici che assicurano libertà ai loro cittadini.